Come scattare un bel ritratto pur non essendo un fotografo

0
429
ritratto amatoriale o professionale

Un bel ritratto può catturare uno sguardo, raccontare la tua persona, la tua essenza. Ecco perché è sempre affascinante avere scatti di qualità da sfoggiare nelle nostre dimore. Ci sono due modi per ottenere tutto ciò: puoi rivolgerti a un fotografo professionista freelance o a uno studio fotografico se non vuoi badare a spese. In alternativa puoi chiedere aiuto a un amico foto-amatore e scoprire insieme come catturare l’attimo perfetto. E’ ovvio che il risultato finale sia diverso, ma puoi sempre provare a divertirti con l’aiuto di un amico appassionato. In entrambe i casi la fase di avvio del ritratto sarà scandita da una serie di domande che dovrai porti:

  1. Che tipo di foto vuoi?
  2. In quale momento del giorno?
  3. Come e dove vuoi realizzare il servizio fotografico?

In tal modo potrai avere la giusta consapevolezza che ti aiuterà a capire come procedere, oltre a indicare anche che tipo di attrezzature serviranno, a prescindere da chi scatterà la foto.

La composizione di un bel ritratto amatoriale

Se desideri realizzare degli scatti personali o della tua famiglia senza ricorrere a un professionista del settore ti saranno utili alcuni consigli! Usando in modo intelligente la macchina fotografica e studiando al meglio la luce e l’inquadratura potrai sorprenderti. Attenzione però: come noterai non abbiamo parlato di smartphone, perché per ottenere dei ritratti ottimali, magari da appendere in casa, è sempre bene scegliere una macchina fotografica seria. Il tuo telefonino può invece essere ideale per altre tipologie di immagini, ma evita di usarlo per il ritratto.

  1. Stabilisci le impostazioni della fotocamera: parti da una bassa risoluzione ISO, punta su una luce naturale e scegli i colori più caldi.
  2. Trova l’illuminazione migliore: non trovandoti in uno studio fotografico non avrai massima precisione d’illuminazione. Tu dovrai cercare di ricreare una luce che sia continua e diffusa in modo da non avere effetti spiacevoli nella tua inquadratura.
  3. Evita la luce diretta: se vuoi un bel ritratto all’esterno, cerca di preferire le giornate nuvolose per ottenere effetti migliori.
  4. Stabilisci dove posizionarti rispetto all’inquadratura: il soggetto deve sempre primeggiare rispetto al contesto fotografico.
  5. Scegli con attenzione obiettivo e inquadratura.
  6. Prova l’auto-esposimetro e l’autofocus: se non sono previste tali funzioni cerca di concentrarsi sugli occhi per avere una buona messa a fuoco.

Una volta fatte le prove e gli scatti del caso puoi passare alla fase di post produzione. In questo modo riuscirai ad agire sul bilanciamento del colore, e magari eliminare la sfocatura. Ma attenzione a non esagerare, altrimenti rischi di rovinare completamente il tuo scatto.

Quando invece interviene un fotografo professionista

Se vuoi andare a colpo sicuro dovrai rivolgerti a veri professionisti, che sapranno pensare, studiare e realizzare un ritratto ad hoc. In fase di shooting il fotografo è in grado di fare prove, applicare migliorie e ispirarsi in base anche al tipo di contesto. Potrebbe così guidarti al meglio per riuscire a scattare un’immagine che sia spontanea, naturale e non troppo impostata. Inoltre per alcuni servizi è espressamente previsto l’intervento di hair stylist e make-up artist personali che possono contribuire a rendere perfetto il ritratto.

Potrai liberarti di ogni pensiero e dubbio, lasciandoti accompagnare in un viaggio entusiasmante e privo di errori. Chiaramente per un servizio fotografico in studio o in esterno servirà un investimento in denaro per assicurarti la totale attenzione del fotografo per un breve arco di tempo. La scelta finale quindi spetta solo a te. Se non hai possibilità di sfruttare la passione di un amico o parente per la fotografia e se non ha voglia di investire denaro in attrezzature per realizzare lo scatto amatoriale rivolgiti a un professionista. E il gioco è fatto!