Macchine a controllo numerico, cosa sono?

0
1211
macchine a controllo numerico

Macchine a controllo numerico, cosa sono, cosa fanno e perché sono sempre più importanti? La macchine a controllo numerico, note in Italia anche con l’acronimo MCN, in lingua inglese vengono chiamate computerized numerical control (abbreviato in CNC) e sono particolari macchine utensili che lavorano sfruttando un controllo numerico computerizzato.

Fino a pochi decenni fa, erano impiegate solo per lavorazioni meccaniche di precisione, ma oggi sono sempre più diffuse e impiegate in vari differenti contesti produttivi. La tecnologia di queste macchine permette di programmarle e usarle per la produzione di innumerevoli parti meccaniche differenti e non solo. Esistono macchine piegatrici, punzonatrici, fresatrici, saldatrici, per il taglio laser, torni a controllo numerico, ecc.

Le moderne macchine a controllo numerico sono un’evoluzione delle macchine CN classiche che non erano interamente controllate da computer e consentono anche il controllo numerico diretto da un dispositivo esterno rivelandosi veramente molto versatili, oltre che estremamente precise. Queste macchine, oltre che per lavorazioni meccaniche di precisione, si impiegano in numerosi diversi altri settori produttivi, ad esempio in falegnameria, in sartoria, tappezzeria, confezionamento, ma anche nella movimentazione delle merci. Possono fare praticamente ogni cosa, con la giusta dotazione tecnica e le corrette istruzioni.

Ci sono macchine a controllo numerico che rispondono a praticamente qualsiasi esigenza, come taglio, modellazione, saldatura, misurazione, cucitura, di vari differenti materiali, nei più diversi contesti e finalità.

I vantaggi di queste macchine sono estremamente numerosi e senza dubbio evidenti: permettono una sostanziale riduzione dei tempi e di conseguenza anche dei costi di lavorazione, aumentandone al contempo di moltissimo la precisione. Le macchine a controllo numerico impiegate in meccanica possono produrre parti metalliche assolutamente identiche tra loro e precise al micron, ovvero con una tolleranza massima di un millesimo di millimetro. Queste macchine sono poi veramente insostituibili se si deve lavorare su grandi superfici o su elementi con curve particolarmente complesse, pensiamo ad esempio a parti di turbine, compressori, scarichi idrodinamici, o magari anche sculture o elementi decorativi o artistici.

Rispetto ad una produzione manuale ci sono enormi vantaggi nell’uso di MCN, in particolare come detto sui fronti di velocità e precisione. Le macchine a controllo numerico maggiormente moderne ed avanzate sono dotate poi anche di testate orientabili, possono quindi lavorare su assi inclinati e possono ruotare rispetto ai piani di lavoro, rendendo possibile in pratica ogni tipo di lavorazione, anche quelle sostanzialmente impossibili manualmente.

Con i sistemi di controllo numerico più recenti vengono poi introdotte soluzioni avanzate per il trattamento delle diverse superfici, come il 3D NURBS nativo. Basta progettare un oggetto con un software CAD per poi affidarne la realizzazione alla macchina, ottenendo sempre un risultato perfetto ed estremamente preciso.

I moderni dispositivi di controllo consentono di acquisire dati dagli encoder e di ricevere istruzioni dall’operatore e dal software scelto, così da seguire le diverse fasi di lavoro da un monitor, potendo gestire in tempo reale il dialogo con la macchina anche da un eventuale computer esterno, collegato con un cavo di rete o seriale. Queste macchine sono soggette ad una continua evoluzione e aperte a nuove sfide. Nel tempo si evolveranno sempre di più e permetteranno lavorazioni sempre più rapide e precise.