Come diventare croupier

0
650
Come diventare croupier

Diventare croupier può aprire a opportunità molto interessanti, per chi cerca un lavoro questa è senza dubbio una carriera dalle molteplici possibilità, ma come e dove ci si forma per diventare croupier?

Il lavoro del croupier

Quella del croupier è una professione per certi versi iconica e senza dubbio molto affascinante. Ampiamente rappresentato nel cinema e nella televisione, questo professionista dà le carte dietro un banco di blackjack e di altri popolarissimi giochi. Sempre elegante e professionale, rapido nel calcolo e naturalmente con le mani. Se ci allontaniamo dalla finzione scenica cosa sappiamo veramente di questa figura? Esistono molte opzioni per essere un croupier, dal lavoro nei casinò più esclusivi come quelli di Venezia, Monaco o Montecarlo, fino all’impiego nei casinò a bordo delle grandi navi da crociera che viaggiano per il mondo.

Corsi di formazione per diventare croupier

Per poter iniziare a lavorare come croupier bisogna seguire un apposito corso di formazione. Dagli anni ’90 in Italia tra le principali realtà che li organizzano c’è il Centro Formazione Croupier, che ha sedi a Milano, Roma, Torino e Padova e gode di importanti riconoscimenti a livello internazionale. I corsi solitamente vengono organizzati più volte durante l’anno.

Chi può iniziare a seguire un percorso di formazione per diventare croupier? Quello del croupier è un lavoro piuttosto particolare e proprio per questo non adatto a tutti, iniziamo con il dire che è una professione che si svolge spesso anche in orario serale e notturno. In genere il croupier lavora su turni, prevalentemente nelle fasce orarie 14:00-22:00 e 22:00-6:00. Si lavora 8 ore al giorno per circa 40 ore settimanali.

Per praticare questa particolare professione è fondamentale avere la fedina penale pulita visto che si maneggiano molti soldi, avere ottime capacità relazionali e di calcolo, un elevato livello di concentrazione ed essere veloci e sciolti nei movimenti. La conoscenza della lingua inglese è assolutamente fondamentale se si vuole lavorare all’estero, ma importante anche se si lavora in Italia, visto che molti clienti dei casinò sono stranieri.

I corsi per diventare croupier durano in genere dalle 6 alle 8 settimane e prevedono uno studio approfondito della teoria dei vari giochi e molta pratica per sviluppare la manualità e anche allenare vista e udito. Un buon croupier deve saper gestire ogni situazione, essere cortese, preciso e preparato, saper gestire le persone e avere un eccellente autocontrollo.

Lavorare come croupier nei casinò online

Sempre più spesso si parla di casinò e giochi online in genere e ormai da tempo il numero dei casinò virtuali ha abbondantemente superato quello delle sale da gioco reali. Il gioco online è un mercato in continua e forte crescita e ovviamente crea anche posti di lavoro.

Lavorare come croupier nei casino online live è un’opportunità senza dubbio interessante che vale la pena di approfondire un po’. Le piattaforme di gioco a distanza si moltiplicano e offrono all’utenza una varietà di giochi e modalità di accesso agli stessi sempre nuova.

Popolari giochi da casinò, come la Roulette, il Blackjack, il Baccarat, i dadi e il Poker si possono fruire online anche in modalità live, ovvero con un croupier collegato in webcam. Le piattaforme di gambling che propongono il gioco dal vivo sono sempre più apprezzate per molte ragioni diverse, tra queste la naturalezza con cui vengono prodotti i risultati di gioco e la possibilità di rapportarsi con persone in carne ed ossa.

La sicurezza e la casualità dei risultati di gioco è sempre garantita quando si gioca online sui casinò con regolare licenza Aams, ma nel caso del gioco live si ha un’esperienza ancora più simile a quella delle grandi sale gioco reali e non ci si rapporta con un freddo algoritmo, ma con un vero croupier, questo per molti giocatori è un valore aggiunto decisivo. Molti casinò online tra i più noti, anche in Italia, assumono quindi croupier offrendo opportunità di lavoro interessanti, innovative e decisamente stimolanti, che chi è opportunamente formato potrà cogliere avendo concrete possibilità di crescita, umana, professionale ed economica.

Quanto può guadagnare un croupier?

Quando si parla di lavoro, qualunque esso sia, senza dubbio l’argomento retribuzione è uno dei più interessanti, quanto guadagna quindi in media un croupier?

Lo stipendio base di chi inizia questo lavoro non è particolarmente elevato, si attesta attorno ai 1000 euro mensili, ma molto possono influenzare le mance lasciate dai giocatori, in particolare quelli che vincono, che possono essere veramente molto generosi, soprattutto se stranieri. Molto dipenderà poi alla propria esperienza e abilità, dal tipo di casinò in cui si opera e dalla nazione dove si lavora. All’estero senza dubbio si guadagna i media più che in Italia, ma anche il costo della vita spesso è maggiore, quindi bisognerà fare bene i conti.

Il croupier nel tempo può anche fare carriera e diventare ad esempio ispettore o manager di un casinò, arrivando a guadagnare anche 5000 euro al mese o più. Si tratta quindi di un lavoro con concrete opportunità di crescita, in particolare se si sceglie come detto di svolgerlo all’estero.